Chiedilo al Nutrizionista

Per le tue domande scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Cosa sono gli smoothies? Sono adatti a tutti?

La parola smoothie può essere tradotta come “vellutata”, si tratta infatti di un  frullato di frutta fresca arricchito da frutta disidratata a scaglie e verdure,  per i più golosi accompagnato anche da una spolverata di frutta secca. Generalmente negli smoothie non si aggiunge latte, al massimo si predilige l’utilizzo di yogurt bianco e per chi sceglie il vegetale, si ricorre all’aggiunta di bevande di riso o di soia. 

Se si naviga in rete e si leggono riviste dedicate alle star di Hollywood si legge che molte hanno scelto gli smoothie per perdere peso. In realtà a seconda degli ingredienti scelti possono sostituire alcuni pasti come la colazione, spuntino o merenda e apportare qualche beneficio all’organismo. Se oltre alla frutta, che certamente renderà il nostro smoothie ricco di vitamine, Sali minerali, zuccheri e gusto aggiungessimo lattuga e foglie di menta fresche avremo ottenuto un buon smoothie dalle proprietà rilassanti, se  invece si optasse per uno smoothie che aumenti le difese immunitarie e faciliti la digestione basterà aggiungere rucola in sostituzione della lattuga e succo di agrumi (arancia e limone). Insomma uno smoothie in estate accontenta e rinfresca il palato grazie al mix di frutta fresca di stagione e il benessere dell’organismo aggiungendo vegetali ricchi di sostanze nutraceutiche.

Di seguito una ricetta per uno smoothie da preparare a casa_:

n.2 foglie di lattuga

foglie di menta fresca

Succo di 1 arancia

Succo di 1 limone

Cubetti di ghiaccio a piacere

 

 

Che differenza c'è tra dieta Vegana e Vegetariana?

  

 

accueil3

La differenza è semplice: l'alimentazione vegana non solo esclude il consumo di carne e pesce (come quella vegetariana), ma anche di prodotti derivanti da animali come ad esempio: latte, formaggi, uova e miele. Entrambe le diete vengono adottate per motivazioni etiche o religiose (anche se negli ultimi tempi molte persone la scelgono per una ragione "salutista"). La questione "uomo onnivoro per cultura o per natura",  tra onnivori e vegetariani/vegan è perennemente aperta.

  

 

   

É vero che mangiare frutta dopo i pasti fa ingrassare?

 

Assolutamente no, è una leggenda metropolitana. La frutta, in particolare kiwi e arance, grazie alla vitamina C che contiene aiuta ananasl'assorbimento del ferro presente nella carne, nelle uova e nei legumi introdotti durante un pasto. É consigliabile evitarla quando si soffre di problemi intestinali e meteorismo, allora è preferibile mangiarla lontano dai pasti. Inoltre scegliete l'ananas dopo un lauto pasto: contiene un' enzima proteolitico, la bromelina, che aiuta a digerire le proteine. Se si sta seguendo un regime alimentare ipocalorico è preferibile consumare una porzione di frutta a merenda. 

 

 

La frutta secca è molto calorica, quanta se ne può consumare?

 

frutta-seccaLa frutta secca in guscio come noci, nocciole, mandorle e pistacchi è ricca di omega 3 e omega 6 i cosiddetti grassi buoni che aiutano a tenere giù il colesterolo cattivo LDL,  però questi alimenti sono anche molto calorici per cui è bene moderarne il consumo a circa 10- 15 grammi di prodotto.