29^ Puntata. Il miele, elisir di lunga vita!


Gli antichi lo consideravano un elisir di lunga vita, di sicuro oggi potremmo dire che il miele è un alleato della salute perché agisce come un antibiotico naturale grazie alla sua attività battericida. Il segreto antisettico del miele è nascosto in una molecola la defensina 1, una proteina presente nel sistema immunitario delle api. Può essere utilizzato come dolcificante per tè e tisane in sostituzione del saccarosio, lo zucchero da tavola, perché il miele ha un potere dolcificante più grande di circa 1,5 volte e a parità di grammi contiene meno calorie. Consumato tutti i giorni come dolcificante o sulle fette biscottate al mattino, a colazione,può esercitare azione preventiva contro tosse e raffreddore, il miele, infatti, è citato anche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) come potenziale trattamento della tosse perché ha un’azione emolliente donando sollievo alla gola irritata. Due studi sottolineano la bontà del miele anche per i più piccoli. Nel primo studio pubblicato dai ricercatori dell’Università di Tel Aviv, bambini di età compresa tra 1 e 5 anni sono stati suddivisi in tre gruppi: al primo è stato somministrato il miele, al secondo gruppo invece è stato somministrato uno sciroppo con effetto placebo e al terzo un estratto di silon. I bambini del primo gruppo tossivano meno e la regressione della tosse è risultata più veloce. Il miele è ricco di antiossidanti e di vitamina C, ecco perché è un valido aiuto nel trattamento e prevenzione delle infezioni respiratorie. Nel secondo studio, condotto da University of Calabar Teaching Hospital, bambini di età tra i 2 e i 18 anni, con tosse attribuibile ad infezione del tratto respiratorio superiore, hanno ricevuto dosi notturne di miele, destrometorfano (farmaco antitussivo) al gusto di miele, o nessun trattamento. I risultati ottenuti sono stati effettivamente a favore del gruppo in trattamento con miele; tuttavia questa sostanza è stata anche associata ad iperattività e insonnia. Certamente non bisogna esagerare nelle quantità considerato che il miele contiene anche zuccheri. È bene inoltre, non somministrare miele selvatico ai bambini al di sotto di un annodi vita perché non avendo una flora intestinale sviluppata, potrebbero incorrere in botulismo. Uno studio recentissimo condotto su giovani di età compresa tra i 21 e 25 anni ha evidenziato come l’utilizzo di miele incide sulla riduzione della placca dentale.

 

Comparative evaluation of honey, chlorhexidine gluconate (0.2%) and combination of xylitol and chlorhexidine mouthwash (0.2%) on the clinical level of dental plaque: A 30 days randomized control trial. Jain A et al. - Perspect Clin Res. 2015

Honey for acute cough in children. Oduwole O et al.- Cochrane Database Syst Rev. 2014

Effect of Honey on Nocturnal Cough and Sleep Quality: A Double-blind, Randomized, Placebo-Controlled Study. Herman Avner Cohen MD et al.- Pediatrics

 

Leggi l'articolo anche: http://www.mandamentonotizie.it/nutrizionebenessere-il-miele-elisir-di-lunga-vita-a-cura-della-dott-ssa-orefice/